Marco July 31, 2019

Juan Carlos Osorio ha rapidamente notato l’enorme influenza che la vittoria potrebbe fornire. “Questo è molto importante per il futuro del calcio messicano”, ha detto il manager, anche se uno dei quotidiani sportivi del paese, Record, forse lo ha messo meglio. “Cambia la nostra storia”, leggi il titolo del giorno seguente. “Adesso è un buon momento”: anche in Alaska, l’orgoglio per il Messico è profondo Leggi di più

È chiaro che la vittoria sulla Germania non sarà mai dimenticato dai fan di El Tri, ma la sfida è costruirci sopra, per farlo davvero contare. Prima che le celebrazioni possano continuare, il Messico deve sabato prendere una parte della Corea del Sud alla disperata ricerca di punti dopo una sconfitta iniziale per 1-0 contro la Svezia.

Il morale sembra essere al massimo storico per un talentuoso Messico squadra e tutti i segni indicano una vittoria semplice per loro.Ma chiedi ai messicani se Osorio supervisionerà un altro risultato positivo e le risposte non saranno uniformemente sicure.

Il manager è una figura polarizzante a causa della sua tendenza a ruotare i giocatori e le loro posizioni. Mentre alcuni vedono il colombiano come uno studioso meticolosamente preparato del gioco, altri lo percepiscono come uno scienziato pazzo che ripensa a tutti gli scenari. Osorio ha vinto un gran numero di scettici nei giorni scorsi, ma non ha fermato tutte le preoccupazioni per quanto riguarda le sue tattiche.

Mentre ogni giorno passa per i sostenitori di El Tri Con ogni giorno che passa, il massimo dal risultato di domenica sta gradualmente diventando sostituito per i sostenitori di El Tri dall’ansia per il gameplan di Osorio per la Corea del Sud.Non è necessario cercare lontano nel passato per trovare casi in cui ha preso decisioni da capogiro in un grande torneo internazionale.

Alla Copa América del 2016, Osorio ha fatto infuriare la base del Messico schierando tre diversi portieri nelle tre partite del gruppo. I critici hanno anche sollevato il fatto che il manager ha usato 49 diverse formazioni nelle sue 49 partite in carica.

Anche se Osorio apporta cambiamenti significativi alla sua XI iniziale, i fan possono stare tranquilli sapendo che il Messico ha un certo numero di impressionanti giocatori di backup. Opzioni marginali come Jonathan Dos Santos, Jesús Corona, Marco Fabián ed Edson Álvarez sono più che in grado di portare a termine il lavoro contro la Corea del Sud.

Corona, forse più delle altre, è stata anche leggermente sfortunata lasciato fuori dall’XI per l’apri.Con il suo ritmo e la sua creatività immensi, il venticinquenne ha il talento di diventare un punto di svolta per El Tri sabato.

Finché un nucleo forte di giocatori chiave rimarrà nell’XI, in Messico non dovrebbe avere problemi a sconfiggere la Corea del Sud. Se Osorio si attacca con un 4-3-3, la sua squadra superiore ha il potenziale per segnare alcuni goal. Per quanto sia presuntuoso supporre che El Tri non incorrerà in problemi, le probabilità sono molto favorevoli al fatto che il Messico si assicuri sei punti dalle prime due partite. Quindi sarebbero un passo avanti verso la rottura della famigerata maledizione del quido partido.

La “quinta partita” rappresenta l’ossessione del Messico di raggiungere i quarti di finale dei Mondiali. Dal 1994 sono stati eliminati da sei Mondiali consecutivi negli ultimi 16.Anche se questo è un risultato in sé, molti lo vedono come un simbolo della stagnazione della crescita di El Tri fuori dalla regione di Concacaf.

Raggiungere i quarti di finale mostrerebbe lo sviluppo del Messico sulla scena mondiale. I giocatori del paese e la lega nazionale hanno apportato miglioramenti significativi dagli anni ’90, ma c’è stato poco da dimostrare in Coppa del Mondo.

Dopo la vittoria contro la Germania, il quinto partido potrebbe essere un obiettivo modesto per il Messico . Prima del torneo, sembrava quasi ridicolo leggere i giocatori dicendo che potevano fare una spinta per vincere la Coppa del Mondo.Ora, dopo lo straordinario inizio, potrebbe essere il momento di prendere i loro commenti più sul serio. “Omofobico e non molto intelligente”: perché i canti di puto perseguitano il calcio messicano Leggi di più

“Fin dall’inizio la nostra intenzione era di essere al primo posto “, ha detto l’attaccante Raúl Jiménez questa settimana. “Vogliamo vincere tutte le nostre partite. Per essere campioni dobbiamo affrontarli tutti. ”

Il Messico ha una lunga strada da percorrere nella fase a gironi, non importa il torneo. Ma dopo la brillante vittoria iniziale, difficilmente puoi incolparli per aver sognato in grande. Ad ogni modo, sarà affascinante vedere se riescono a mantenere il loro slancio.