Marco May 12, 2018

Posso diventare un eroe e un antieroe allo stesso tempo? Igor Chislenko ha dimostrato che sì. Il suo meraviglioso obiettivo portò la squadra dell’URSS alla semifinale del Campionato del Mondo-1966 e garantì alla nostra squadra almeno una medaglia di bronzo. E questa è la medaglia di bronzo che Chislenko non ha voluto consegnare.

È considerato uno dei più forti attaccanti destrorsi del calcio sovietico. Igor Chislenko era incredibilmente veloce, mobile, diretto al cancello. Trucco, un altro centro di cura e un calcio in cui è racchiuso l’intera forza. A volte è avido – partner a volte lamentato del fatto che il numero del passo non aspetterà. Ma l’egoismo calcistico di Igor Leonidovich, stranamente, è andato a beneficio del gioco di squadra. Ha segnato molti gol, e importante, fornendo il risultato. E gli obiettivi della Dynamo di Mosca si sono rivelati brillanti, succosi. Nel numero di 120 gol migliori dei campionati del mondo, due colpi precisi di Igor Leonidovich arrivarono in una sola volta.

Pochi sanno, ma la leggenda della “Dinamo” di Mosca non era una Dynamo radicale. la scienza di calcio moscovita Igor Chislenko ricevuto in “Torpedo”, e il suo allenatore era il famoso portiere della repubblica Anatoly Akimov. Igor ha giocato bene non solo nel calcio, ma anche nell’hockey, e ha anche combinato due sport, come giocatore nella Dinamo della capitale.

Perché torpedovskoy scuola di specializzazione Chislenko Igor non era nel suo club natale, e divenne oggetto di capitali polemiche “Spartacus” e “Dinamo” ora nessuno si ricorderà. Forse troppo fragile sembrava Igor Avtozavodtsev può era qualche altra ragione non il calcio. Nikolaj Starostin veramente voluto vedere Chislenko in “Spartacus”, ma “la Dinamo maledetto”, come Nikolai Petrovich era più veloce. Nel 1959, Igor Leonidovich cercato maglietta bianca e blu con la lettera D. Ha iniziato come punta centrale, ma Michael Jakushin lo mandò sul fianco destro. E presto il nuovo arrivato si dichiarò un giocatore insolito.

Nell’autunno del 1959 giovane calciatore ha esordito in nazionale dell’URSS. Ma per molto tempo nella squadra nazionale, Igor è rimasto in disparte, perché nella squadra principale del paese in questa posizione ha giocato Slava Metreveli. Qui in Cile per la sua prima Coppa del Mondo Chislenko sono andato come torpedovtsy understudy. Ma nel primo incontro con gli jugoslavi Metreveli ha avuto un gomito negli occhi e non ha potuto giocare con i colombiani.