Adam5811 May 13, 2016

Chi è John Anzrah?

In realtà nessuno di speciale. L’ex quarterback del Kenya, che ha anche partecipato al campionato del mondo del 1987, non ha grandi successi. Attualmente sta lavorando come allenatore atletico per velocisti del Kenya.

Forse sarebbe più accurato scrivere che stava lavorando.

Come può accadere una cosa del genere quando un allenatore è uno sportivo?

Era mercoledì mattina quando Anzrah aveva fame a Rio, in Brasile. A quel tempo, l’otto-uomo keniota Ferguson Cheruiyot Rotich prese in prestito il suo passaporto in modo che l’allenatore potesse andare a fare una colazione gratuita nel villaggio olimpico.Ma c’erano dei commissari al doping là.

“Quando lo incontrarono, presumevano che fosse un atleta, così lo portarono a fare test”, ha detto Kip Keino, presidente del Comitato Olimpico del Kenya (NOCK). >

Successivamente, descrive una fonte sconosciuta vicina al team keniota: “Probabilmente per paura di essere svelato, non ammise nemmeno ai commissari di non essere un atleta. Questo è il motivo per cui ha giocato il gioco ed è andato al test antidoping. ”

Ma la trappola è chiusa.

Per i Commissioners ha paragonato il suo volto con la foto dell’accreditamento, che ovviamente non ha funzionato. E l’indagine è iniziata.

NOCK ha immediatamente escluso Anzrah dalla spedizione olimpica, e il Comitato olimpico internazionale ha avviato un’azione disciplinare in merito.Allo stesso tempo, tuttavia, ha elogiato il lato keniota per un’azione rapida.

“L’abbiamo mandato a casa. È pazzesco, si presenta come un atleta, dà un campione di urina e firma persino i documenti. Tale comportamento è inaccettabile. In realtà, non avrebbe dovuto essere in Brasile, né sappiamo come è arrivato qui “, Keino ha frainteso. “Prima di tutto, era confuso, ma presto ha trovato un commissario per dare la sua urina e sangue”, l’agente del corridore, Marc Corstjens, ha spiegato la situazione. avrebbe dovuto introdurre l’ovale venerdì a 800 metri.Che sorpresa sarebbe stata se non gli fosse stato permesso di andare allo stadio e un veterano di sessantasei anni sarebbe apparso all’inizio…

Ma non sapremo che Anzrah è diventato il secondo ufficiale keniano a essere mandato a casa dal Brasile .

Il primo è stato Michael Rotich, che si trova di fronte accuse di contribuire a coprire il doping. È stato colpito da una macchina fotografica, offrendo a un acquirente fittizio i soldi per dare in anticipo agli atleti informazioni sulle date del controllo antidoping. Ha valutato questo servizio a £ 10.000.

“Sono accuse molto gravi, qualcuno con un tale personaggio non può lavorare nel nostro team.Questo non può essere spazzato sotto il tappeto “, ha commentato l’intera situazione sulla keniana Athletic Union Evans Bosire. Entrambi i media si occupano di problemi di doping, si sono fermati all’inizio della vicenda sportiva russa. Arrivarono al documento poco dopo che il Kenya fu rimosso dalla lista dei paesi con un sistema di doping scarso. Questo è successo la scorsa settimana quando la WADA ha scoperto che la nuova legge era in linea con i criteri richiesti. Ma continua a rifiutare l’accusa.